Nasce dedicata a lei la prima casa rifugio per donne vittima di violenza in Irpinia, ad Ospedaletto d’Alpinolo. Sarà aperta 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno. Potrà ospitare sei donne vittime di violenza, con i loro figli. L’apertura di questa nuova casa famiglia si gioverà anche dell’apporto del teatro grazie al contributo di ex “ragazzi difficili”, ospiti della Comunità Terapeutica “Casa sulla Roccia” di Avellino. In 28 metteranno in scena, giovedì 14 aprile, al Teatro “Carlo Gesualdo”, “Pinocchio ‘o cunto”. “Mettere in scena Pinocchio”, dice Elena Spiniello che con Maurizio Picariello coordina lo spettacolo, ” è stata un’idea degli ospiti della comunità terapeutica. Mettiamo in scena un Pinocchio non toscano ma campano, e anche lui, come i nostri ragazzi, non è stato lasciato solo, ha trovato la solidarietà e l’appoggio della fata turchina e di papà Geppetto”. Nessuno si salva da solo, è questo in effetti il messaggio che unisce Pinocchio a Casa sulla Roccia. E, come Pinocchio ed i ragazzi della comunità, anche le donne vittime di violenza troveranno la loro “balena”, le loro “fate”. Appuntamento, quindi, al Teatro Gesualdo, giovedì 14 aprile dalle 19. L’ingresso è libero, ma è gradita un’offerta spontanea di 10 euro, utile a sostenere la casa rifugio.

 

Diventare Volontari

 

Unisciti a Noi

Resta in contatto con Noi!